Skip to content

Come utilizzare i pin GPIO di un Raspberry Pi Zero da una Workstation Fedora

Il Raspberry Pi Zero fornisce una funzionalità particolare, piuttosto utile in alcuni casi: in pratica lo si può trasformare in un dispositivo USB che mette a disposizione le GPIO al PC a cui è collegato. Ossia possiamo fare uso delle GPIO da un programma che gira sul PC. Per fare questo non abbiamo bisogno di una scheda SD e nemmeno di un alimentatore: basta collegare il Raspberry Pi Zero alla porta USB e utilizzare il software GPIO Expander installato sul PC.

GPIO Expander è un software che gira su Linux, ma leggendo sul sito della Raspberry Pi Foundation, c'è poca chiarezza: sembra quasi che possa funzionare solo con la distribuzione Raspberry Pi Desktop o successivamente, leggendo in giro per la rete, solo su distribuzioni basate su Debian, tipo Ubuntu.

Ma andando a prendere i sorgenti, è possibile usare questa funzionalità anche su Fedora. Sul wiki trovate la traduzione di un articolo tratto da Fedora Magazine: Come utilizzare i pin GPIO di un Raspberry Pi Zero da una workstation Fedora

 

Trackbacks

Nessun Trackbacks

Commenti

Mostra commenti Cronologicamente | Per argomento

Nessun commento

Aggiungi Commento

Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.


Form options